Eremo San Michele: riqualificazione restauro e manutenzione

di Gabriele Pastore

per Il Sannio Quotidiano.

Prenderanno presto il via i lavori di recupero architettonico e valorizzazione culturale e turistica dell’Eremo di San Michele e della circostante area demaniale in Foglianise. Un progetto approvato il 29 Febbraio 2008 con delibera di giunta provinciale n. 133 a firma dell’allora presidente Carmine Nardone con fondi Por Campania 2000/2006 pari a 1.148.386,47 euro, riferiti alle misure 4.12 e 4.20. Dopo due anni dalla presentazione del progetto è arrivato il via libera. Una gara d’appalto emessa sul GURI del giugno 2009 ma poi ritirata con una nota di Elisabetta Cuoco, dirigente del Settore Attività produttive, sviluppo economico ed agricoltura della provincia di Benevento a motivo dell’aggiornamento dei prezzi. Successivamente l’architetto Cuoco aveva disposto la pubblicazione del nuovo bando la cui gara si è chiusa con l’aggiudicazione dei lavori alla ditta di costruzioni Fusco Pasquale s.r.l. di Cautano. Costo complessivo al netto del ribasso è di 750.000 euro aggiornati secondo le normative vigenti. Lavori che dovranno essere ultimati entro il 31 dicembre e che rientrano in un protocollo d’intesa stipulato in accordo tra la provincia sannita, il comune e la parrocchia di Foglianise. Gli interventi previsti riguardano opere di riqualificazione dell’eremo, il restauro e la manutenzione dell’edificio così come dell’area antistante. A questi si aggiungono quelli per le opere stradali per un più facile accesso al sito e la sistemazione del giardino annesso al santuario. Il tutto utilizzando moderne tecniche nel rispetto dell’originalità, naturalezza e incontaminazione del luogo. “Una nuova fase – evidenzia il sindaco di Foglianise – che ha chiuso il lungo iter di appalto dei lavori dopo due anni di attesa. Siamo di fronte ad un progetto che permetterà di incrementare e incentivare a Foglianise lo sviluppo turistico promuovendo e migliorando uno dei tesori culturali che il nostro paese possiede”. Di certo, la sistemazione e il miglioramento dell’area in cui è collocato l’eremo, in particolare il potenziamento delle vie di accesso, potranno far sì che il singolare edificio longobardo di Foglianise rientri come una delle tappe dell’itinerario micaelico che si snoda nel sud Italia a partire dal Gargano. Un’ottica che permette di vedere il turismo religioso come leva dello sviluppo territoriale. Percorsi culturali e religiosi considerati strategici in una prospettiva di ricomposizione territoriale e di sviluppo locale. Il turismo culturale legato quindi all’offerta del bene religioso inteso come potenziale fattore di attrazione turistica e importante risorsa per lo sviluppo sostenibile del territorio. Antichi tesori, il cui recupero, specialmente in questi giorni in cui si sente più parlare di rilancio del turismo in Campania specialmente nelle aree interne, non può non destare apprezzamento. Oggi ci troviamo di fronte ad una nuova figura di turista che è sempre più esigente e attento a ciò che il territorio gli offre e per questo le istituzioni devono sforzarsi a mettere in campo una struttura turistica competitiva.

Annunci

One thought on “Eremo San Michele: riqualificazione restauro e manutenzione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...