“I Luoghi del Cuore”, numerose segnalazioni in Campania

da Caserta News.

Il FAI – Fondo Ambiente Italiano in collaborazione con Intesa Sanpaolo ha lanciato a partire dal 7 maggio – fino al 30 settembre 2010 – la quinta edizione del censimento nazionale “I luoghi del cuore”, invitando tutti gli italiani a votare un luogo – un parco, una villa, una chiesa, un castello, un isolotto, una piazza – in cui ciascuno potesse riconoscersi e riconoscere quel “territorio comune” fatto di cultura, arte e paesaggio che caratterizza il nostro Paese. E la risposta dei cittadini non si è fatta attendere: oltre 60.000 le segnalazioni già pervenute al FAI, a dimostrazione della volontà di far conoscere alla collettività i grandi e piccoli gioielli che compongono il patrimonio culturale e paesaggistico italiano, per garantirgli un futuro al riparo dall’indifferenza e dall’abbandono. Dai risultati finora monitorati emerge un’indicazione di rilievo: le persone sentono il bisogno di essere ascoltate sulla difesa del “bene comune” e nel censimento promosso dalla Fondazione trovano l’interlocutore adatto a cui poter affidare segnalazioni concrete, siano esse semplici dichiarazioni d’affetto, richieste di tutela o veri e propri gridi d’allarme rivolti ai luoghi più svariati. In fase di votazione l'”Italia del cuore” assume i contorni – familiari e variegati – delle realtà territoriali in cui ciascuno di noi vive o che ci sono care. Inoltre, mai come quest’anno sono nati comitati spontanei, associazioni e mobilitazioni popolari per la raccolta dei voti, proposti da cittadini comuni, dalle Delegazioni FAI sparse nelle Regioni e anche istituzioni locali. Segno tangibile che l’iniziativa viene percepita come uno “strumento” utile e fattivo per la difesa delle nostre bellezze.
In particolare in Campania ha ricevuto numerose segnalazioni la Chiesa Santa Veneranda di Caggiano (SA) e la Torre Artus e il Castello a Maddaloni, (CE). Nel cuore dei campani anche la Casa greca dell’VIII sec. a.C. a Forio (NA).
E ancora viene segnalato il monastero di Santa Maria in Gruptis di Foglianise (BN), di cui oggi rimangono i ruderi: un luogo suggestivo che i segnalatori vogliono far conoscere e tutelare.
A questa edizione del censimento è collegato anche il progetto “FAI il tuo film”, bando per cortometraggi lanciato per il secondo anno consecutivo da Milano Film Festival e I Luoghi del Cuore. Ai registi partecipanti è stato chiesto di proporre una sceneggiatura originale per la realizzazione di un breve film, della durata massima di 3 minuti, che raccontasse il loro luogo del cuore.
– Il FAI – Fondo Ambiente Italiano in collaborazione con Intesa Sanpaolo ha lanciato a partire dal 7 maggio – fino al 30 settembre 2010 – la quinta edizione del censimento nazionale “I luoghi del cuore”, invitando tutti gli italiani a votare un luogo – un parco, una villa, una chiesa, un castello, un isolotto, una piazza – in cui ciascuno potesse riconoscersi e riconoscere quel “territorio comune” fatto di cultura, arte e paesaggio che caratterizza il nostro Paese. E la risposta dei cittadini non si è fatta attendere: oltre 60.000 le segnalazioni già pervenute al FAI, a dimostrazione della volontà di far conoscere alla collettività i grandi e piccoli gioielli che compongono il patrimonio culturale e paesaggistico italiano, per garantirgli un futuro al riparo dall’indifferenza e dall’abbandono. Dai risultati finora monitorati emerge un’indicazione di rilievo: le persone sentono il bisogno di essere ascoltate sulla difesa del “bene comune” e nel censimento promosso dalla Fondazione trovano l’interlocutore adatto a cui poter affidare segnalazioni concrete, siano esse semplici dichiarazioni d’affetto, richieste di tutela o veri e propri gridi d’allarme rivolti ai luoghi più svariati. In fase di votazione l'”Italia del cuore” assume i contorni – familiari e variegati – delle realtà territoriali in cui ciascuno di noi vive o che ci sono care. Inoltre, mai come quest’anno sono nati comitati spontanei, associazioni e mobilitazioni popolari per la raccolta dei voti, proposti da cittadini comuni, dalle Delegazioni FAI sparse nelle Regioni e anche istituzioni locali. Segno tangibile che l’iniziativa viene percepita come uno “strumento” utile e fattivo per la difesa delle nostre bellezze.
In particolare in Campania ha ricevuto numerose segnalazioni la Chiesa Santa Veneranda di Caggiano (SA) e la Torre Artus e il Castello a Maddaloni, (CE). Il complesso di epoca medioevale – sorto in un luogo strategico che, a guardia della via Appia, domina ancora oggi gran parte della pianura tra Nola e Capua – è un luogo simbolo della zona e sta molto a cuore ai segnalatori, che denunciano tramite il sito http://www.iluoghidelcuore.it: “Le condizioni in cui si trova questo magnifico monumento sono pessime, è profondamente rovinato da tempo e incuria e per di più pericoloso per gli abitanti dei dintorni”.
Nel cuore dei campani anche la Casa greca dell’VIII sec. a.C. a Forio (NA). Si tratta di un sito archeologico, dove sono attualmente ancora in corso i lavori di scavo. Il ritrovamento della casa, assieme ai numerosi attrezzi domestici e suppellettili dell’epoca riportati alla luce, ha permesso di raccogliere nuove preziose informazioni scientifiche, fondamentali per ricostruire la storia dell’insediamento greco di Ischia e del Golfo di Napoli di cui si conoscevano fino ad ora soltanto le sepolture e i preziosi corredi. Il sito non è aperto al pubblico, tuttavia è possibile osservare una ricostruzione della casa presso il Museo Archeologico di Pithecusae.
E ancora viene segnalato il monastero di Santa Maria in Gruptis Foglianise, (BN) di cui oggi rimangono i ruderi: un luogo suggestivo che i segnalatori vogliono far conoscere e tutelare.
A questa edizione del censimento è collegato anche il progetto “FAI il tuo film”, bando per cortometraggi lanciato per il secondo anno consecutivo da Milano Film Festival e I Luoghi del Cuore. Ai registi partecipanti è stato chiesto di proporre una sceneggiatura originale per la realizzazione di un breve film, della durata massima di 3 minuti, che raccontasse il loro luogo del cuore.
L’Isola di Procida (NA), è il soggetto del cortometraggio ideato da Davide Fontana che ha come obiettivo valorizzare questa perla del Mediterraneo ricca di storia, tradizione e cultura. Il corto è stato inserito tra i 10 filmati finalisti che verranno poi proiettati durante la quindicesima edizione del Milano Film Festival (Milano, 10-19 settembre 2010). C’è tempo fino al 30 settembre per votare il proprio “luogo del cuore”: un gesto semplice ma al tempo stesso di grande civiltà, che permette a tutti gli italiani di avere un ruolo attivo e concreto nella difesa di quel patrimonio d’arte e di natura che è l’identità del nostro Paese.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...