Prove tecniche di accordo contro Mastrocinque

di Gabriele Pastore

per Il Sannio Quotidiano.

Comunali 2011. Alleanza tra destra e sinistra? È l’ipotesi che a Foglianise comincia a profilarsi a meno di una settimana dalla presentazione ufficiale delle liste che concorreranno il 15 e 16 maggio prossimi. Data per certa la lista civica dell’uscente Giovanni Mastrocinque che con il suo motto “Rinascita Democratica” adottata nel 1993 scende in campo con la medesima coalizione, bisogna carpire cosa succede dietro le quinte del bipolarismo territoriale Pd-Pdl. Secondo rumors popolari avrebbero fatto alleanza tra loro aprendosi ad altri movimenti come “Sinistra Ecologia e Libertà” e l’Udc di Pierferdinando Casini. Tanti i nomi lanciati nel corso di questi preliminari della campagna elettorale: dal coordinatore del circolo Pd Nicola Mastrocinque, all’ex dirigente dell’ufficio tecnico comunale Cosimo Boffa fino a Nunzio Carapella. Inizialmente esclusa l’ipotesi di una discesa in campo di Cosimo Cairella, come da sue pubbliche dichiarazioni, in quanto considerato “ultimo gladiatore” di una minoranza in frantumi, invece adesso sembra essere il più quotato ad assumere la leadership della lista che dovrebbe scendere in campo contro l’ex vicepresidente provinciale. Per quanto riguarda gli altri candidati, Nicola Mastrocinque e Carapella saranno, sempre secondo voci di corridoio, inclusi in questa lista pluripartitica. Fuori dal gioco potrebbe rimanere Cosimo Boffa, secondo molti deluso dal risultato delle primarie che lo ha visto perdente rispetto a Cosimo Cairella. Naturalmente sono voci di corridoio, manca qualsiasi carattere di ufficialità visto che il coordinatore Nicola Mastrocinque si è circondato del più assoluto riserbo. Soltanto sabato si saprà se quanto raccolto corrisponde a verità. Se lo sfidante sarà Cairella vuol dire che veramente all’interno del centro sinistra nel corso delle primarie c’è stata una frattura, che si sono contrapposte due correnti interne e che il gruppo storico ha avuto la meglio sul nuovo gruppo più vicino al coordinatore Nicola Mastrocinque, forse perché ha voluto un candidato del Pd per ribadire la centralità del Partito in una lista a più facce. Infatti sembra scontato l’inserimento in lista di personalità storiche del Msi come Vito Antonio Pedicini o Giovanni Baldini candidati nella scorsa tornata elettorale nella lista “Andare Oltre” capeggiata da Luigi Lepore. Al gruppo sembra si siano aggiunti l’Udc e il vendoliano Sel che schiererebbe invece Raffaele Goglia. Questo sembra essere per sommi capi lo scenario della lista che si appresta a dare battaglia alla lista che rappresenta l’amministrazione uscente che nelle linee generali tende a confermare gli stessi candidati. A questo punto vengono spontanee due considerazioni che riguardano entrambe le liste: per il momento c’è un solo nome femminile certo, la confermata Mangialetto attualmente assessore alle politiche sociali, e mancano i giovani. Se questi dati sabato saranno confermati possiamo dire che il dato è estremamente preoccupante perché denuncerebbe un’assoluta mancanza di interesse da parte delle nuove generazioni e delle donne alla cosa pubblica. Disinteresse o incapacità di coinvolgimento da parte di chi gestisce la politica?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...