Il concorso “Selezione del Sindaco” premia il vino del Taburno

di Antonio Caporaso

per Il Sannio Quotidiano.

Si è tenuto, nel finire della scorsa settimana il grande concorso enologico internazionale “Selezione del Sindaco 2011”. E’ stato sicuramente un evento suggestivo che ha coinvolto magnificamente il territorio creando un interesse e particolare soddisfazione nella realtà locale che si è sentita per la prima volta al centro di un grande movimento internazione. Da sottolineare un aspetto rilevante: ai produttori torrecusani sono andati prestigiosi riconoscimenti: quattro “Medaglie d’Oro” e sette “Medaglie d’Argento. Ecco tutti i riconoscimenti. Medaglia D’Oro: 90,75 (Don Curzetto), Aglianico del Taburno Rosso 2006, Cantina Torre a Oriente; 89,75 (U’ Barone Rossi) Aglianico del Taburno Rosso 2007, Aglianico Torre a Oriente; 88,75 (Terra di Rivolta Rossi) Aglianico del Taburno 2007, Aglianico Ciurica Sns; 87,25 (Grave Mora Rossi), Aglianico del Taburno Rosso 2006, Aglianico Azienda Agrituristica Fontanavecchia di Libero Rillo.
Medaglia d’Argento: 85,50 (Siriana Bianchi Taburno) Falanghina 2010, Falanghina Torre a Oriente; 85 (Aglianico del Taburno Auriculus Rossi), Aglianico del Taburno 2005, Chiusi di Domenico Pulcino; 84,50 (Taburno Dop Falanghina Vendemmia Tardiva) Bianchi Taburno Falanghina 2010, Falnghina Azienda Agricola Il Poggio di Carmine Fusco; 84,25 (Aglianico del Taburno Arces Rossi), Aglianico del Taburno Rosso 2006, Aglianico Azienda Agricola Torre dei Chiusi di Domenico Pulcino; 84 (Aglianico del Taburno Dop 26+6 Rossi) Aglianico del Taburno Rosso 2006, Aglianico Azienda Agricola Torre Varano; 83,75 (Passito d’Aglianico “Lino delle Fate”) Dolci Beneventano 2008, Aglianico Azienda Agricola La Dormiente; 83,50 (Ebe Falanghina), Bianchi Taburno, Falanghina Azienda Agricola Terre D’Aglianico.
Gli organizzatori hanno sempre tenuto a precisare degli aspetti ben chiari: “Nel 150° anniversario dell’unità del nostro Paese, il concorso ha assunto una connotazione ancor più celebrativa, perché vede la partecipazione di aziende e Comuni di tutte le Regioni italiane, in una sorta di grande kermesse del vino. La promozione delle aziende che partecipanti durerà per tutto l’anno, anche grazie all’attivazione su iPhone della Guida ai migliori vini del concorso. L’accordo con la Fondazione Campagna Amica di Coldiretti per la promozione dei vini presso i mercati del contadino a km 0 permetterà di trovare le etichette premiate al concorso a prezzi di convenienza, insomma, alta qualità a costi contenuti. Al concorso si è affiancato BioDiVino, il concorso riservato a vini prodotti con uve biologiche, realizzato in collaborazione con l’Associazione Nazionale Città del Bio. Il concorso ha unito vignaioli e amministratori nella promozione del loro territorio. L’evento ha contribuito a diffondere l’educazione al bere consapevole e moderato soprattutto nell’universo giovanile, sempre più disponibile ad accettare la regola che bere si può, ma poco e bene e che se si decide di partecipare ad una festa e ad un evento, qualcuno dovrà rinunciare anche ad un solo bicchiere di alcol per poi mettersi alla guida sicuro e sereno. I vini che hanno partecipato al concorso sono, il più delle volte, figli di piccole e medie produzioni (la partita di vino in gara non può superare la produzione di 50.000 bottiglie all’anno), ma questo non ne limita né la qualità né la possibilità di essere acquistati in cantina a prezzi davvero interessanti a riprova del fatto che un vino per essere buono non deve essere necessariamente caro. I piccoli produttori e i piccoli territori hanno avuto l’opportunità di farsi conoscere e di crescere, e quindi di diventare grandi nella loro capacità di fare comunicazione e di esprimere la loro qualità”. Infine le iniziative benefiche: “Una parte delle centinaia di bottiglie che giungono da ogni parte d’Italia come campioni in gara, sarà utilizzata per realizzare iniziative di solidarietà e raccolta fondi destinate alle zone del Veneto colpite dalla scorsa alluvione che ha prodotto notevoli danni all’agricoltura, e a molte aziende vitivinicole, distruggendo i loro vigneti”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...