Motisi: “Stare fuori è dura, ma ritornare a giocare è fantastico”

da Sannio Calcio.

La redazione di Sannio Calcio ha raggiunto Rosario Motisi, bomber dell’Atletico Foglianise.
L’attaccante rosanero dopo un brutto infortunio, rottura del crociato e del menisco, è ritornato in campo nella penultima gara d’andata, il match interno con il Calvi. Motisi, nei quindici incontri disputati, ha timbrato per ben diciassette volte il tabellino dei marcatori, aiutando la propria squadra a conquistare la quinta posizione, ciliegina sula torta del bel campionato del team foglianesaro.

Ciao Rosario, come è stato ritornare a giocare dopo il brutto infortunio subito in estate?
E’ stata una sensazione fantastica, soprattutto per l’accoglienza ricevuta da parte dei compagni e dei tifosi. E’ stata dura stare fuori: a causa dell’infortunio ho dovuto recuperare la preparazione e svolgere allenamenti a parte. E’ stato faticoso, ma la gioia di ritornare in campo ha ripagato tutti gli sforzi: è stato bello riprendere a giocare.

In questa stagione, nonostante la metà di campionato passata ai box, hai realizzato diciassette reti. Tra queste, quale ricordi con maggiore piacere?
Indubbiamente la tripletta con il Castelpoto la ricordo con grande gioia: fu gratificante perché vincemmo sul campo della prima in classifica, tra le due squadre c’era rivalità ed inoltre quei gol sono stati utili al Real Campoli affinché potesse raggiungere il primo posto. Quella tripletta è dedicata anche a Nicola Iadanza, al quale sono molto legato, anzi colgo l’occasione per fargli pubblicamente gli auguri per la meritata vittoria del campionato. Delle tre reti, però, è sicuramente la terza che preferisco, in quanto è stata davvero spettacolare, neppure io me la sarei aspettata. Ricordo con piacere anche il gol nella gara d’andata con il Calvi: era il mio ritorno in campo dopo l’infortunio. Entrai ad inizio secondo tempo e quando feci gol fu bello vedere tutta la squadra, compresa la panchina, venirmi ad abbracciare. La ciliegina sulla torta, però, è stato il terzo gol al Castelpoto.

L’Atletico Foglianise, con la tua presenza sin dall’inizio della stagione, avrebbe potuto fare ancora meglio del quinto posto?
Credo che, senza presunzione, qualche punto in più si sarebbe potuto conquistare, ma i ragazzi, anche senza di me, hanno fatto ottime cose, come il punto ottenuto alla prima giornata contro il Real Campoli. Con il mio innesto, ripeto, qualcosa in più si sarebbe potuto fare, anche perché in rosa non ci sono altri attaccanti di ruolo, essendo tutte seconde punte.

Al tuo attivo c’è anche un gran lavoro con i ragazzini, come è stata questa esperienza?
E’ stata fantastica, ma soprattutto formativa in quanto proprio i ragazzini mi hanno insegnato molto. Ho lavorato sia a Campoli con Nicola Iadanza che a Foglianise con l’Atletico e devo dire che mi sono trovato benissimo. Mi fa piacere vedere ragazzini di sedici anni come Stefano Tontoli, che ho avuto il piacere di allenare, essere titolare inamovibile nel Real Campoli: cosa che non sempre avviene nelle squadre di vertice.

Che progetti hai per il futuro?
Non ho ancora deciso il futuro, sto vagliando tutte le ipotesi. Posso dire che l’Atletico Foglianise mi ha dato la completa disponibilità per andare ovunque.

Grazie Rosario, sei stato gentilissimo. Buone vacanze e a presto.
Grazie a voi e complimenti per il sito. A presto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...