Protocollo Comune – Ept per i Nomadi in “Musica nei borghi”

di Gabriele Pastore

per Il Sannio Quotidiano.

È ufficiale. Saranno i “Nomadi” ad animare la serata musicale del 18 agosto nell’edizione 2011 della Festa del Grano. Difficile da reggere il confronto con l’edizione dello scorso anno che ospitò a Foglianise l’artista Massimo Ranieri che fece registrare già nel pomeriggio della stessa giornata il tutto esaurito con oltre 25 mila presenze. Per il sindaco Mastrocinque i Nomadi restano comunque un gruppo di spessore, che offre grandi emozioni ai fan di ogni generazione. L’evento si è reso possibile grazie alla stipula di un protocollo d’intesa tra l’Ente Provinciale del Turismo di Benevento e il comune di Foglianise che ha premesso al concerto l’inserimento nel cartellone della terza edizione di “Musica nei Borghi”. “Il protocollo – si legge nell’atto – si è reso possibile al fine di sostenere la crescita culturale e turistica della valle vitulanese favorendo lo sviluppo delle imprese turistiche operanti nel settore”. Già nel trascorso anno l’Ente Provinciale per il Turismo a collaborato in sinergia con i comuni sanniti interessati dagli eventi della manifestazione “Musica nei Borghi” rivelandosi un ottimo veicolo promozionale in grado di attirare numerose presenze di turisti che nel caso specifico di Foglianise sono attratti anche dalla tradizionale sfilata dei carri di grano che si tiene il 16 agosto di ogni anno. Come indicato nel protocollo stipulato l’ente provinciale si assume l’impegno di contribuire per l’importo di 10 mila euro, nominando il direttore artistico e ponendo in essere attività di comunicazione e pubblicizzazione della manifestazione. Immancabile inoltre la conferenza stampa di presentazione della stessa nell’ambito della rassegna “Musica nei Borghi”. Gli aspetti logistici sono invece a carico dell’amministrazione comunale di Foglianise che dovrà provvedere all’installazione del palco e ai permessi previsti per legge. Ovviamente la stipula di questo protocollo è stata accolta con positività dal primo cittadino di Foglianise tanto da intravedere nella sottoscrizione dell’atto una conferma dell’internazionalità che la kermesse ha raggiunto negli anni. Resta comunque la prima tappa di una Festa che si prospetta ricca di colpi di scena.

Annunci

4 thoughts on “Protocollo Comune – Ept per i Nomadi in “Musica nei borghi”

  1. NOMADI, la band più longeva del panorama musicale italiano, vengono fondati nel 1963, da Beppe Carletti e Augusto Daolio, in un periodo in cui nascevano, a ritmo frequentissimo, centinaia di gruppi musicali, accomunati dalla voglia di esprimere sensazioni, pensieri ed insoddisfazioni dei giovani della nuova generazione, la prima del dopoguerra.
    La formazione attuale dei NOMADI è insieme da tredici anni:
    Beppe Carletti (tastiere), Daniele Campani (batteria), Cico Falzone (chitarre); Danilo Sacco (voce e chitarra), Massimo Vecchi (basso e voce), Sergio Reggioli (violino, percussioni e voce).
    Il nome NOMADI fu scelto un po’ per caso ma forse anche un po’ per destino: la loro l’attività tocca capillarmente numerose località d’Italia, anche nei piccoli paesi, le province, ed è scandita da 90 CONCERTI ALL’ANNO con una media annuale di 1.000.000 di SPETTATORI (di età compresa tra i 18 e i 45 anni), riconfermandosi ogni anno, nel panorama artistico italiano, come gli artisti con il maggior numero di concerti.
    Chi assiste ad un concerto, anche se non è la prima volta, viene rapito dall’atmosfera famigliare, rassicurante e positiva, dal rapporto amichevole e dal profondo rispetto dei musicisti verso il pubblico.
    “IL POPOLO NOMADE” è il settimo componente del gruppo: 100 fans club sparsi in tutta Italia, migliaia di fans in ogni angolo della penisola. Ed è proprio grazie al sostegno di queste persone che l’attività musicale è affiancata dall’impegno umanitario, la raccolta fondi e i numerosi viaggi nelle aree critiche del mondo come ambasciatori di Pace e Solidarietà. I NOMADI, infatti, insieme ai numerosi fans che li seguono, sono stati negli ultimi anni promotori di varie iniziative di solidarietà nazionali e internazionali (come l’attuale progetto di costituzione dell’Associazione “CRESCERAI” che sta sostenendo un progetto in Madagascar) con incontri di personaggi quali il Dalai Lama, Giovanni Paolo II, Yasser Arafat, M. Sabbat Patriarca di Gerusalemme, il segretario del Mahatma Gandhi, Fidel Castro, Tara Gandhi, Arcivesco Samuel Ruiz Garcia (Messico), Padre Ugo del Censi (Perù), Duane Hollow Horn Bear (capo spirituale del popolo Lakota-Sud Dakota).
    I Nomadi hanno pubblicato in totale 50 fra dischi in studio, live e raccolte per un totale di 15.000.000 copie vendute.
    Il 19 aprile 2011 il gruppo annuncia di intraprendere l’avventura discografica da indipendenti, a giugno uscirà un nuovo Album interamente autoprodotto

    1963
    La primissima formazione era composta di sei elementi: Augusto Daolio (voce), Beppe Carletti (tastiere), Franco Midili (chitarra), Leonardo Manfredini (batteria), Gualberto Gelmini (sax), Antonio Campari (basso). Poco dopo Gelmini, Campari e Manfredini abbandonarono il gruppo, vennero sostituiti da Bila Coppellini (batteria) e Gianni Coron (basso). La formazione contava cinque elementi.

    1965
    Primo disco “Donna la prima donna”

    1966
    L’incontro con Dodo Veroli, amico produttore e Corrado Bacchelli. Esce il singolo “Come potete giudicar” con il quale ottengono i primi consensi del pubblico ed è grazie a Dodo che i Nomadi incontrano il giovane e sconosciuto Francesco Guccini. Da questo incontro nasce una collaborazione che porta immediatamente ad un grande risultato: “Noi non ci saremo” e “Dio è morto”. Apriamo una piccola parentesi portandoci per un attimo al presente, sottolineando come l’atteggiamento dei Nomadi verso giovani autori ancora sconosciuti al grande pubblico, sia ancora oggi di grande importanza. Tutti gli album della band emiliana sono costellati da brani concepiti da questo genere di collaborazioni e che sempre hanno riscosso grandi successi.

    1970
    Oltre che da innumerevoli lavori discografici ed alcune sostituzioni tra i componenti del gruppo, i Nomadi furono impegnati in molte trasmissioni televisive e manifestazioni canore: nel ’70 parteciparono al “Disco per l’estate” con “Un pugno di sabbia”, nel ’71 al “Festival di Sanremo”, in coppia con Mal, con “Non dimenticarti di me”, ed ancora varie edizioni del “Disco per l’estate”: nel ’71 con “So che mi perdonerai”, nel ’72 “Io vagabondo”, nel ’73 con “Un giorno insieme”, nel ’74 con “Tutto a posto”. Con il brano “Un giorno insieme” parteciparono anche al “Festivalbar” edizione ’73, mentre con le canzoni “Tutto a posto” e “Voglio ridere”, nel ’74, parteciparono anche a “Canzonissima”.

    1984
    Dante Pergreffi sostituisce al basso Umberto Maggi

    1990
    Augusto, Beppe e Dante vengono affiancati da Cico Falzone alla chitarra, e Daniele Campani alla batteria. Il gruppo guadagna in entusiasmo e il sound generale risulta più fresco ed attuale. Ne è testimonianza l’album “Solo Nomadi”. La storia continua nel 1991 con “Gente come noi” (disco di platino con oltre 100.000 copie vendute) e poi nel 1992 con l’antologia “Ma noi no” (ad oggi si è aggiudicata 5 dischi di platino).

    1992
    Entro la fine del 1992 giungerà un altro disco celebrazione, il live “Ma che film la vita” (4 dischi di platino), e sarà tra le poche consolazioni di un’annata altrimenti terribile. Il 14 maggio muore in un incidente stradale il bassista Dante Pergreffi e il 7 ottobre, dopo una breve e straziante malattia, muore Augusto Daolio. Lo choc per il complesso è tremendo e lo scoramento è tale che si prende in considerazione l’ipotesi di abbandonare tutto, di sciogliere il complesso. Incoraggiati e sollecitati con testimonianze d’affetto di ogni natura e migliaia di amici e fans, il gruppo decide per il meglio: si va avanti. Con Beppe, Daniele, Cico ed Elisa (entrata in sostituzione di Dante), il complesso riparte insieme a Danilo Sacco, voce e chitarra, e Francesco Gualerzi, voce e sax.

    1993
    Il 1993 è il banco di prova del nuovo gruppo. Inizia tra mille trepidazioni il tour che troverà il suo culmine a Novellara, ove si svolgeranno i festeggiamenti per i 30 Anni di Nomadi e contemporaneamente l’uscita dell’album “Contro”. I brani in esso contenuti sono le ultime incisioni di un disco concepito e realizzato da Augusto e i Nomadi realizzate nel febbraio-marzo ’92 ed è emozionante ascoltare ancora la calda voce di Augusto con l’inserimento, dosato ed intelligente, dei nuovi elementi. Sempre del ’93 è l’uscita della biografia ufficiale dei Nomadi “Il suono delle idee..1963-1993” ad opera di Davide Carletti, figlio di Beppe, edito dall’Arcana Editrice.
    E’ singolare come, dopo la morte di Augusto, l’affetto dei fans e degli amici del gruppo abbia portato, innanzitutto i Nomadi alla scelta di continuare il viaggio intrapreso trent’anni prima, ma soprattutto la volontà di fare parte integrante del gruppo costituendo fans club e gruppi di amici che collaborano all’attività del complesso stesso e partecipano attivamente alle iniziative di solidarietà lanciate dai Nomadi. L’affetto per i Nomadi sfocia in amore per l’uomo, in perfetta sintonia con lo spirito nomade da sempre professato dalla band.
    I Nomadi durante le loro ininterrotte tournée hanno conosciuto gli Inti Illimani, ed è stata subito amicizia.
    Il 1993 si chiude con un viaggio in Cile, ove tengono concerti insieme agli Inti Illimani.

    1994
    Nel mese di maggio esce “La Settima Onda” (oltre 150.000 copie), primo album veramente senza Augusto; il disco è forte, accattivante e vicino ai temi della gente. Nel frattempo viene lanciata una campagna pro Cuba interamente dedicata alla raccolta di materiale didattico da inviare ai bambini cubani.
    Sempre nel ’94 i Nomadi hanno l’occasione di incontrare il Dalai Lama, premio Nobel per la Pace, in visita in Italia, in una sua tappa a Bologna.

    1995
    Questo incontro con il Dalai Lama è solo l’inizio di un rapporto destinato a durare nel tempo. E di tempo non ne passa molto prima che i Nomadi abbiano occasione di rincontrarlo, ma stavolta non in Italia, bensì in India, a Dharamshala. Esce nel luglio del ’95 l’album “Lungo le vie del vento” (oltre 150.000 copie).

    1996
    Esce l’Album “Quando ci sarai” un disco all’avanguardia in quanto a sonorità ed invenzioni musicali, ma al tempo stesso fedele alla tradizione di un gruppo, ormai “storico”. Contiene 10 brani inediti. La solidarietà a favore dei bambini cubani ha portato i Nomadi a contatto con giovani musicisti della Scuola Nazionale di Musica di Cuba, che sono stati coinvolti in alcuni degli arrangiamenti presenti nell’album. E’ stato realizzato, inoltre, un video clip, protagonista il brano “Quando ci sarai”, tutto “made in Cuba”.

    1997
    “LE STRADE, GLI AMICI, IL CONCERTO”: è il titolo del nuovo doppio CD live, album n.23 della loro carriera, contenente 34 brani tra i più significativi del percorso musicale del gruppo. Spiccano, inoltre, le collaborazioni musicali con gli spagnoli CELTAS CORTOS, “20 de Abril” (brano inedito), con il gruppo di cornamusa bretoni BAGAD QUIMPERLE BRETAGNE, “C’è un re”, “Bianchi e neri” e “Contro” e con l’arpa celtica di ANDREA POZZOLI, “Hasta siempre comandante”, “Ophelia”, “Il vecchio e il bambino”.
    E la gente ricambia questa coerenza con tanto affetto, che tradotto in cifre fa 12 dischi di platino, 150 concerti ogni anno con una media complessiva di oltre 500.000 presenze, 150 fans club sparsi per l’Italia. E poi, ad arricchire questa lunga storia c’è l’impegno umanitario, la raccolta di fondi e i numerosi viaggi dei NOMADI nelle aree critiche del mondo, come ambasciatori di pace e solidarietà. In segno di riconoscenza per tutto ciò, la UNITED ARTISTS FOR PEACE, il 20 settembre, durante il concerto di ASSISI (PG), in occasione del II° FESTIVAL PER LA PACE, ha consegnato al gruppo il premio “ARTISTI PER LA PACE 1997”. Di questo concerto è stato realizzato un home video doppio con lo stesso titolo del disco “Le strade, gli amici, il concerto”.
    Il 1997 si è concluso con il viaggio in Chiapas, dove i Nomadi, insieme a Lorenzo Jovanotti, si sono inoltrati in quella regione del Messico per incontrare i campesinos guidati dal subcomandante Marcos. Il viaggio in Messico è stata inoltre occasione per un lungo incontro, a San Cristobal De Las Casas, con l’Arcivescovo della Diocesi Samuel Ruiz Garcia, il viaggio si è concluso con l’esibizione in due concerti: uno a Città del Messico, l’altro a Milpa Alta.

    1998
    Il 1998 vede la conferma del successo dell’Album “Le strade, gli amici, il concerto” oltre 250.000 le copie vendute, ma una novità raggiungerà tutto il mondo nomade: Elisa Minari e Francesco Gualerzi lasciano, per motivi personali, il gruppo e intraprendono nuove strade. Il cammino dei Nomadi continua e vede arrivare l’entusiasmo del reggiano MASSIMO VECCHI, al basso e voce.
    La nuova formazione inizia, già da Febbraio, i lavori per un nuovo Album dal titolo “UNA STORIA DA RACCONTARE”, tutto di brani inediti. L’Album uscirà a settembre 1998. Un’attenzione particolare vorremmo riservarla al brano “Le leggende di un popolo” frutto dell’esperienza del viaggio di Beppe Carletti nella riserva indiana di Rosebud nel Sud Dakota e dall’amicizia nata con il popolo Lakota, in particolare con Duane Hollow Horn Bear, guida spirituale dei Lakota. Contemporaneamente però continua l’intenso Tour che vede il gruppo in ogni angolo del nostro paese. Andrea Pozzoli saluta il gruppo e si unisce alla famiglia SERGIO REGGIOLI violino e percussioni.
    L’anno si è chiuso con oltre 150.000 copie vendute dell’album “Una storia da raccontare” una grossa soddisfazione per il gruppo.

    1999
    Nel mese di giugno i Nomadi partono per dell’Albania, grazie all’Ass. Rock no war, visitano alcuni campi profughi e si esibiscono in due concerti: uno ad Elbasan ed uno a Tirana. Nel mese di ottobre durante la visita di S. S. il Dalai Lama in Italia, hanno di nuovo l’occasione di incontrarlo a S, Polo D’Enza (RE) e a Votigno di Canossa (RE) presso la Casa del Tibet.
    In questo scorcio di fine millennio arrivano sul mercato CD e Home Video “SOS CON RABBIA E CON AMORE”, rispettivamente contenenti 15 e 20 brani, che i Nomadi presentano al pubblico e che racchiude, in un simbolico viaggio musicale, la sintesi di tante esperienze maturate in questi ultimi anni, nei frequenti viaggi a contatto con la sofferenza e la privazione di tanti popoli.

    2000
    a ottobre esce un nuovo album di inediti dal titolo “LIBERI DI VOLARE”

    2002
    Il 19 aprile 2002 è uscito il nuovo Album dal titolo “Amore che prendi amore che dai”.

    2003
    Quest’anno i Nomadi hanno festeggiato i 40 anni di musica! A maggio uscita del BEST “NOMADI 40”, raccolta di 32 grandi successi più 2 inediti. Il 13-14-15 giugno a Riccione i NOMADI Festeggiano i 40 anni con tre concerti, tante iniziative e la presenza di oltre 60.000 persone. Dopo 15 settimane “NOMADI ’40” è ancora nelle vette della classifica e ottiene il doppio Disco di Platino.

    2004
    Un anno veramente importante per la band che ha ottenuto il record di presenze: oltre 150 concerti con una media di 3000 presenze per concerto, i concerti ad ingresso libero hanno riscontrato una affluenza di 25.000 persone cadauno. Dopo “Nomadi 40” continua il successo discografico con un altro doppio disco di platino della raccolta pubblicata da EmiI. E’ un momento felice dei Nomadi, un percorso artistico che abbraccia 4 generazioni. Il 29 ottobre esce il nuovo cd “CORPO ESTRANEO” con 11 inediti, già prima della pubblicazione ruota un grande interesse intorno all’evento: (dalle prenotazioni è già disco di platino), entra al 4° posto nella classifica degli dischi più venduti e rimane per diverse settimane nella Top20.

    2005
    A marzo un Concerto benefico a Cesena (i costi sono stati sostenuti dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Cesena e dalla Cassa di Risparmio di Cesena e con il Patrocinio del Comune di Cesena e dalla Provincia di Forlì Cesena) ha permesso di raccogliere fondi da utilizzare per la costruzione di un Centro Medico a Meulaboh / Sumatra (Indonesia) devastata dallo tsunami il 26/12/04. L’album “CORPO ESTRANEO” conquista il doppio disco di platino.

    2006
    I Nomadi partecipano alla 56° Edizione del Festival della Canzone Italiana di Sanremo e si classificano Primi nella Categoria Gruppi, ricevono il Premio Sala Stampa Radio e Tv e il Premio AFI.
    Il 28 febbraio, in concomitanza con il Festival di Sanremo, esce il loro nuovo Album “CON ME O CONTRO DI ME”, disco di platino.

    2007
    Il 12 ottobre è uscito un doppio cd e dvd live “ORCHESTRA” (registrato ad aprile con la Omnia Symphony Orchestra diretta dal Maestro Bruno Santori) già disco di Platino. Il 10 novembre i Nomadi hanno iniziato il Tour Teatrale raggiungendo i teatri più suggestivi delle provincie Italiane.

    2008
    Il 2008 è un anno molto importante: ricorre il 45° compleanno dei Nomadi festeggiati il 20,21 e 22 giugno a Folgaria (TN) con una “tre giorni non stop” di musica, cultura, divertimento e due concerti dei Nomadi con la Omnia Symphony Orchestra diretta dal Maestro Bruno Santori. Il Nomadincontro è stata poi l’occasione per ufficializzare la partecipazione dei Nomadi, come ospiti a Sanremo, in duetto con Gianluca Grignani.

    2009
    Il 3 aprile esce il nuovo album dei Nomadi “ALLO SPECCHIO”, 11 brani inediti tra cui un duetto con Jarabe de Palo (“Lo specchio ti riflette (Elespejotedelata)”.

    2010
    Un’altra avventura per i Nomadi: nel mese di febbraio hanno accompagnato Irene Fornaciari al 60° Festival di Sanremo riscuotendo grande successo di critica e consensi.
    Il 26 ottobre esce il nuovo disco “Raccontiraccolti” 11 cover di grandi artisti italiani riarrangiati e reinterpretati dai Nomadi e un brano “Due re senza corona” caro ai Nomadi. Da novembre il 4° tour teatrale.

    BEPPE CARLETTI

    DANILO SACCO

    CICO FALZONE

    DANILE CAMPANI

    MASSIMO VECCHI

    SERGIO REGGIOLI

    Mi piace

  2. Concerto 23 luglio € 8886.81
    DI IMPEGNARE la spesa complessiv a di € 8.428,40 sull’interv ento 1.07.02.03 del bilancio di prev isione
    2011, di cui € 5.392,40 a fav ore della Banda Musicale della Guardia di Finanza, ed € 3.036,00 a
    fav ore del Grand Hotel Italiano Srl di Benevento;

    DI IMPEGNARE la spesa complessiv a di € 458,41 sull’interv ento 1.07.02.03 del bilancio di prev isione
    2011,di cui € 163,33 per fornitura ENEL, ed € 295,08 per la SIAE;

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...