Presentato il libro sulla cappella di Montevergine in contrada Viglione

di Gabriele Pastore

per Il Sannio Quotidiano.

“I nostri antenati hanno voluto concentrare in queste comunità le devozioni più forti che si trovavano in luoghi più o meno lontani. Quello che hanno visto altrove lo hanno voluto per questa terra”. Padre Davide Panella, storico e filosofo sannita, in poche battute ha così voluto condensare secoli di popolare devozione mariana nel corso della serata – convegno organizzata dalla Pro Loco “Ugo Pedicini” di Foglianise sul tema “I titoli della Madonna”. L’organizzazione di questo spazio culturale, che ha visto la luce nell’ambito del palinsesto festivo, è motivata dalla volontà di promuovere un messaggio di fede, misto ad una fedele narrazione storica, lanciato da Giuseppe Iannuzzi jr con la pubblicazione del volume “Il sogno di un soldato contadino. Storia della cappella di Montevergine in contrada Giovanni Viglione di Foglianise”. L’autore, nipote del fondatore del luogo di culto ha così spiegato le motivazioni che lo hanno indotto a generare la pubblicazione: “Dopo novantacinque anni dalle prime visioni notturne avute da mio nonno Giuseppe nelle trincee del Carso, la vera storia della cappella stava per essere assorbita dalla leggenda”. Da qui, prosegue “è maturata l’idea di dare alle stampe il racconto che l’autore della cappella amava narrare ai suoi contemporanei e che a metà degli anni sessanta dettò a me, suo omonimo nipote, perché un giorno trovassi il modo per farlo conoscere alle nuove generazioni che troppo spesso vivono la condizione di non avere memoria del passato”. Un’investitura che Iannuzzi ha ricevuto dall’avo e che ha voluto trasmettere in eredità non solo a figli e nipoti ma a quanti sentono vicino quel luogo di culto divenuto patrimonio storico, culturale, monumentale della comunità di Foglianise. Al racconto, per snellire le vicende storiche e contestualizzare gli accadimenti, dopo aver lasciato immutata la sostanza, sono stati affiancati fatti, aneddoti, esperienze vissute che presentano al lettore uno spaccato di vita contadina che fa della cappella “una ragione di identità e di appartenenza per tutti gli abitanti della Valle”. Dagli anni dell’edificazione, la cappella della Madonna di Montevergine divenne meta di pellegrinaggio per quanti non potevano recarsi al Partenio “ed oggi – commenta l’autore – potrebbe costituire la tappa finale di un viaggio mariano all’interno della Valle Vitulanese”. Per questo il libro è quasi una bussola della fede rivolta ad uomini e donne del nostro tempo in cerca di un momento di intima spiritualità o ai turisti vogliosi di godere la vista dei paesaggi locali. Il testo infatti fa da pungolo alle istituzioni, alla Pro Loco, ai gruppi di giovani ricercatori per segnalare la Valle Vitulanese come luogo propulsore del turismo religioso suggerendo in appendice tre diversi itinerari mariani che “aspettano di essere migliorati o modificati allo scopo di corrispondere in modo più puntuale alle esigenze di eventuali turisti”. Edita dalla casa editrice “Natan” con il patrocinio della Pro Loco “Ugo Pedicini” e del Comitato Festa della Madonna di Montevergine, l’opera tiene in serbo “tanta storia di portata generale – ha chiosato fr. Panella – basti pensare agli abbondanti riferimenti alle realtà delle nostre zone per gran parte del Novecento”. Come dunque potrebbe essere inquadrato questo libretto? chiediamo al noto docente. “Semplicemente così: in questo libretto è narrata la storia di un sogno; il sogno di Giuseppe Iannuzzi che si è realizzato, si è sviluppato ed è arrivato fino a noi”. Per poi aggiungere: “Giuseppe: già il nome evoca il sogno; potremmo dire è garanzia di sogno!”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...